1 Commento

Linux Mint 19 Tara

La prima Distro non si scorda mai, una Domenica come tante mi recai in edicola in cerca di qualcosa da sfogliare, Linux PRO catturò la mia attenzione, in allegato c’era Linux Mint 10, ne avevo sentito parlare da qualche utente Ubuntu ma non sapevo nulla di questa Distro. Inserito il DVD con mio sommo stupore vidi che era già tutto perfettamente funzionante in modalità Live ed esteticamente appagante, niente di complicato, un mondo lontanissimo da quello che mi era stato prospettato da amici amanti delle Distro “pure” talmente complicate da risultare ostiche e tenermi lontano dal mondo del pinguino.
Oggi Linux Mint è ancora la Distro che uso sul mio PC principale senza mai un problema di compatibilità e facendomi apprezzare la stabilità e pulizia di un sistema Linux senza troppi sbattimenti.

cinnamon

 

Appena rilasciata la versione 19, nome in codice Tara, nelle varianti Cinnamon, MATE e XFCE  32/64-bit non posso far altro che testarla.
La distro come sempre si rivolge ad un pubblico Easy che non vuol sbattere troppo con accrocchi per tenere semplicemente acceso il PC.
Il software è quello di base ma troveremo tutto quello che ci servirà per garantire le funzioni principali di un computer casalingo, da LibreOffice a Gimp per quanto riguarda la parte ufficio, Rhytmbox e VLC per gestire i file multimediali, Firefox come browser predefinito.
In aggiunta a questo software troveremo le X-Apps:
Xed: Editor di testo.
Xviewer: Visualizzatore di immagini.
Xreader: PDF reader.
Xplayer: Un player basato su Totem come player di default per musica e video.
Pix: Software per catalogare e organizzare le foto.

Novità

Timeshift
Grazie a Timeshift puoi tornare indietro nel tempo e ripristinare il tuo computer all’ultimo snapshot del sistema funzionale. Se qualcosa dovesse andare storto, potrai tornare allo snapshot precedente ed è come se il problema non fosse mai successo.

HiDPI
Il supporto HiDPI migliora con ogni nuova versione. Tutti gli strumenti Linux Mint utilizzano GTK3 e supportano l’HiDPI. Mint-Y, il tema icona predefinito, viene fornito con icone “@ 2x” che appaiono nitide in HiDPI.

L’installazione di eventuale software aggiuntivo può avvenire sia da terminale che senza grandi sbattimenti da un software center molto facile da utilizzare dove troveremo i software più diffusi catalogati per tipologia. Un driver manager ci guiderà in maniera molto facile nella ricerca dei driver aggiuntivi anche proprietari.

Le due versioni Cinnamon e MATE sono le principali, XFCE è consigliato solo a computer del paleolitico, le distro hanno target diverso, la prima è un DE piuttosto moderno che integra le applicazioni in maniera perfetta, unico neo non è il massimo della leggerezza e per i computer più datati o per i patiti delle prestazioni ad ogni costo è più indicato MATE, un fork di GNOME2 tanto semplice quanto efficace, è praticamente l’AK47 dei DE Linux, piuttosto spartano ma il risultato è garantito.
Come prestazioni posso dirvi che la versione MATE gira perfettamente su un netbook datato come l’Acer Aspire ONE ZG5 senza il minimo impuntamento per Cinnamon vi consiglio invece l’installazione su macchine più performanti magari con scheda video dedicate, non che sia pesantissimo ma la differenza con MATE è netta.

Per me son le cose semplici ad attirare la gente in questo mondo quindi Distro basate su Ubuntu andrebbero considerate in maniera diversa anche da chi storce il naso davanti a contaminazioni e materiale proprietario.
Linux Mint è stata ampiamente pubblicizzata anche nella serie Mr.Robot, una delle serie TV più apprezzate del mondo Nerd, per saperne di più vi rimando all’articolo relativo: Mr. Robot: Sistemi Operativi

Sito ufficiale: Linux Mint 

 

Annunci

Un commento su “Linux Mint 19 Tara

  1. […] Tutto viene gestito in maniera Easy, dall’installazione del software tramite un software center alla manutenzione della distribuzione che avviene in automatico come un normalissimo Update di qualsiasi sistema operativo commerciale. La distribuzione viene rilasciata con diversi ambienti desktop, i più utilizzati sono Cinnamon e Mate ma abbiamo anche KDE e XFCE per le macchine meno performanti. La versione utilizzata è la 17.2, ormai datata visto che siamo alla 19. Per maggiori informazioni vi rimando alla recensione di Linux Mint 19 Tara. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: